قديم 01-11-2018, 05:40 PM   #1
== مراقب عام ==
 
تاريخ التسجيل: Mar 2015
الدولة: إيطاليا
العمر: 69
المشاركات: 23,092
معدل تقييم المستوى: 10
معاوية فهمي إبراهيم is on a distinguished road
افتراضي La Bella Pazienza


بسم الله الرحمن الرحيم
In Nome Di Allah Il Clemente Ed Il Misericordioso

La Bella Pazienza ))
الصبر الجميل))

Dice Allah l’Altissimo nel nobile Corano: “Pazienta dunque di bella pazienza”. (Sura 70, v. 5) ; e Dice ancora “Di': “O Miei servi che credete, temete il vostro Signore!”. Coloro che in questa vita fanno il bene, [avranno] un bene. Vasta è la terra di Allah. Coloro che sono pazienti riceveranno la loro ricompensa senza limiti”. (Sura 39, v. 10). E Dice ancora: “Allah ama i pazienti”. (sura 3, v.146)
Cosa significa “bella pazienza”?
La “Bella pazienza” come Allah l’ha definita è il miglior tipo di pazienza cioè di livello superiore alla normale pazienza, i sapienti hanno spiegato che significa avere pazienza senza lamentarsi e senza l’insoddisfazione, perciò “la bella pazienza” è la pazienza senza il lamentarsi.
Nel nobile Corano la pazienza viene ricordata circa novanta volte, Allah ci ricorda che Egli ama i pazienti e della immensa ricompensa di chi pazienta e il risultato che porta al successo il musulmano sia in questa vita che nell’ultima (eterna, paradiso).
I pii predecessori e i sapienti definiscono la pazienza come metà della fede, la fede è formata da due parti; dalla pazienza e la gratitudine ad Allah. La pazienza in arabo significa l’astenersi, il trattenersi, fermarsi, ecc perciò nella fede la pazienza significa il trattenersi dal disobbedire ad Allah e il pazientare nell’obbedienza a Lui l’Altissimo, la pazienza è adorazione.
La pazienza è di tre tipi:
1. La pazienza in ciò che Allah ha ordinato nei Suoi obblighi
2. La pazienza nell’evitare ciò che Allah ha vietato
3. La pazienza su ciò che Allah ha decretato, predestinato per noi accettandolo sia nel bene che nel male (decreto divino/destino), ricordiamo che è il sesto pilastro della fede.
Non c’è miglior esempio di pazienza se non quello del Profeta Muhammad , vediamo alcuni esempi nella sua vita di ciò che dovette subire, da quando cominciò a trasmettere la rivelazione di Allah cioè il Corano, come il suo popolo cominciò a perseguitare lui e i suoi compagni, fino a cercare di ucciderlo in ogni modo per impedire al nobile Profeta di diffondere il messaggio dell’Islam, le difficoltà maggiori cominciarono ad aumentare con la morte di suo zio Abu Taalib che lo proteggeva dai Quraysh, tra l’altro morì nella miscredenza per cui fu doloroso per il Profeta, come fu dolorosa la morte del figlio Ibrahiim e di sua moglie Khadiijah, per poi essere combattuto da suo zio Abu Lahab che era il più grande nemico del Profeta e dell’Islam insieme ad Abu Jahl, il Profeta cercò appoggio da gli abitanti di Taaif ma venne scacciato e preso a sassate e ferito dai suoi abitanti, morirono tre delle sue figlie una dopo l’altra, assistette alla sconfitta della battaglia di Uhud in cui persero la vita circa settanta dei suoi compagni tra cui anche il suo caro zio Hamza, altri compagni persero la vita nella battaglia di Mu’tah, partecipò alla battaglia del fossato (al khandaq) tra l’altro affamati da giorni mettevano pietre sulle loro pance per calmare la fame e scavando con i compagni la trincea per difendersi dai meccani, gli ebrei e gli ipocriti che volevano distruggere l’Islam una volta per tutte, spesso il Profeta passava tre o quattro giorni senza trovare da mangiare ed era solito dormire per terra su materassi di pelle riempiti con paglia, con fibre della palma dei datteri o a terra senza nulla sotto o su ciò che capitava.
Trasmesso da Suhayb صهيب disse il profeta Muhammad : “Meravigliosa è la condizione del credente, tutta la sua condizione è buona (per lui), e ciò non lo è per nessun’altro se non per il credente, se ottiene (succede) un bene ringrazia ed è un bene per lui, invece se li accade un male, pazienta e ciò è un bene per lui”.
La “bella pazienza” (o la miglior pazienza) non significa che un credente non debba provare dolore, ansia o preoccupazioni, ma è il fatto di restare gli stessi anche nei momenti difficili senza lamentarsi e farsi prendere dal panico.
Da Abu Said Al Khudriyy e Abu Hurayrah riportano che disse il Profeta Muhammad : “Non accade al musulmano fatica, né malattia , né preoccupazione, né tristezza, né danno (che subisce), né angoscia, fosse anche la puntura di una spina, senza che per questo Allah cancelli (rimuova) qualcuno dei suoi peccati”.
Per questo il credente quando ha un problema o un male che lo colpisce, si rivolge esclusivamente ad Allah perché solo Lui può allontanare un male, una preoccupazione o risolvere qualsiasi problema o guarirti
Voghera, Venerdì 12 Gennaio 2018 / 25 Rabia at Thani 1439
*****************


التوقيع
اضغط هنا لتكبير الصوره
معاوية فهمي إبراهيم متواجد حالياً   رد مع اقتباس
إضافة رد

أدوات الموضوع

تعليمات المشاركة
لا تستطيع إضافة مواضيع جديدة
لا تستطيع الرد على المواضيع
لا تستطيع إرفاق ملفات
لا تستطيع تعديل مشاركاتك

BB code is متاحة
كود [IMG] متاحة
كود HTML معطلة
Trackbacks are متاحة
Pingbacks are متاحة
Refbacks are متاحة


المواضيع المتشابهه
الموضوع كاتب الموضوع المنتدى مشاركات آخر مشاركة
La donna الوردة معاوية فهمي إبراهيم منتدي اللغات الأجنبية 0 08-20-2016 04:41 PM
عقيدة أهل السنة والجماعة-ايطاليLa Dottrina della Gente che segue la Sunnah e il Conse د/روليان غالي منتدي اللغات الأجنبية 1 06-15-2015 12:48 PM
Il corpo e la pace del cuore معاوية فهمي إبراهيم منتدي اللغات الأجنبية 2 05-01-2015 06:06 PM
The doctrine of the Sunnis and the group in French.عقيدة اهل السنة والجماعة بالفرنسية The LeGend's ™ منتدي اللغات الأجنبية 13 03-24-2015 02:13 PM
La fierté d’Appartenir à la religion musulmane أبو عبد المجيد الجزائري منتدي اللغات الأجنبية 2 07-17-2014 06:57 PM


الساعة الآن 02:50 PM.


Powered by vBulletin® Copyright ©2000 - 2018, Jelsoft Enterprises Ltd.
المقالات أو المشاركات أو الآراء المنشورة في شبكة منتديات برق بأسماء أصحابها أو بأسماء مستعارة لا تمثل بالضرورة الرأي الرسمي لشبكة برق بل تمثل وجهة نظر كاتبها.